------------------------------------
Translated from:
Interview appeared on Exiwebart Focus, Friday 30-01-2004

------------------------------------
Translated from:

Exiwebart_FOCUS
Altarboy - Carlo Zanni

Friday. 30 - 01- 2004

Firstly, Altarboy is a sculpture. An aluminum case, with steel edgings, upon an iron pedestal. A 15'' screen peeps out through the top shell sheet, in white enameled aluminum; the bottom shell sheet hosts a little glass box, designed by the artist. The box contains fresh rose petals that have to be scattered at the foot of the screen. On the whole, a minimal, polished and solid object that hides all its complicated technology in the inside.
Actually, the heart of the sculpture is not that sort of bios made of rose petals, but a computer that acts as a server for the work of art stored in its hard disk; a work that remains invisible on the net until the owner decides to switch on the server.
So, Carlo Zanni 's first sculpture is also his answer to some basic questions: Is it possible to sell network-based artworks? If yes, in which form? How can I buy something public? How can the concept of property merge with the sharing one?



These questions already got a lot of answers, but none succeeded in raising the issue in such a radical way. Buying Altarboy, the collector buys a server containing a net project, a piece of software that works only if connected to the network, shared with all its users. And yet, there is a preferential experience of the work: the one that uses Altarboy, with its touch screen and its rose petals.
You can say: it's as plain as the nose in your face! But this seeming plainness hides all the complexity of the questions answered by the work.
Now Altarboy hosts Cyrille, a fresh evolution - together with the 4 Untitled Portraits, a recent commission from Kultursekretariat, Gütersloh - of the newnewportraits: a new genre of portraits, that joins someone appearance with his/her identity as it comes out of the net, or as it is reflected by his/her hard disk. Cyrille, director of Analix Forever Gallery, has pupils designed by different search engine live queries: the right one is filled of images coming from an automatic Google search based on keywords chosen by Cyrille; the left one is filled with images coming from user entries. They both are browseable. The first pupil mirrors the image of himself everyone builds up; the second, the image of himself everyone shows to the world; and they both mirror the face of the net in a given time.

5 questions to Carlo Zanni

DQ. What 'aesthetic' need gave rise to Altarboy?

CZ. I feel closer to Donald Judd than to Matrix. That's the reason why I hided the tech devices in Altarboy (probably the next one will have neither the screen). They aren't the subjects of my work, so there is no reason to make a tech bricolage.

DQ. Altarboy raises a matter in a complex way: who can be considered the owner of a work based on a public network? How is this work related to the wonderful accessibility net art inherited from the network, and that for a long time has been its most charming (and most claimed) aspect?

CZ. Think about an abusive pipe. I acted as a plumber, opening a faucet for private use. Running it, Altarboy uses water from the main pipe (Google); when they close it or there are problems with the main pipe (or when the net will not exist anymore) it starts cycling stored waters. Altarboy follows its way; it doesn't care about nothing. It's a godfather in a splendid villa in Sicily, sunbathing and drinking clean water in champagne glasses.

DQ. Strangely, Altarboy joins the maximum of private and the minimum of intimacy: people who download the project on their PC seem much closer to Cyrille than people who enjoy it through Altarboy, secluded and distant as an altar icon. How do you explain this distance?

CZ. This distance is due to the sculpture element. Despite it is more or less a system you can find on many desks, its aesthetic form avoid people to recognise it, emphasizing its contemplative side. People joining it through the web could feel closer because they type a url entering in it: they are also very close to the screen, probably alone, in a very private situation/environment. Altarboy, thanks to its touch screen, allows to have a different approach to the code, a really physical one, touching and slipping your fingers on the screen. It's a work about property and sharing, public and private, and its aesthetics and space dimension reflect these subjects.

DQ. Do you think this solution is strictly connected to your way of exploring the network, or could any other artist adopt it for their work?

CZ. It is of course something functional to my way of doing. It is also a very flexible idea, that you can apply to support/manage many different net projects. And yes of course, I hope other artists will use it.

DQ. In Cyrille your interest shifts from the face to the eyes ('the windows of the soul'): their look is conditioned by the keywords chosen by the collector, but also by the life of the net. What kind of soul does Cyrille mirror?

CZ. I think you should tell me that. The only thing I can tell you it is related to its conception.
According to me, this way of making net drawings renders both aesthetically and conceptually the harvester ant's behaviours.
Like them there is a continuous update and shifting of knowledge due to the Macrobehaviours (colony / society) and Microbehaviours (single ant / single person) relationship.
Think to all those pixel-images forming the Cyrille's pupils like a colony of ants. They shape in a harmonious form filling the pupils (Macrobehaviour) but they are an addition of different aesthetics and meanings. This is how Google runs on my projects. How I feel to use it. In Cyrille you select a keyword (following your own idea/concept/memory of that word) receiving back what the society "thinks" about it, like a global meaning (with all those 'chance encounters'). So there are many aesthetic and conceptual levels like in a Photoshop file. It's up to you to decide which layers to merge in order to visualize from the piece, your temporary own soul.





What about Altarboy? Views from the art world

"When Analix Forever discovered Carlo Zanni and his innovative approaches to art, it was a revelation. Altarboy is the piece that most strongly combines the delicate beauty and the advanced netart developments that characterize Zanni's art. With the creation of Altarboy, people can now buy and sell netart, thus opening a new market. The ultimate proof of this: we bought this unique piece!" Cyrille Polla, director Analix Forever Gallery, Geneva - Switzerland

"Altarboy's juxtaposition of fresh rose petals with web-based content serves as a refreshing memento mori, reminding us of the fragility and fleeting quality of net art. The owner's option to share it online or not underscores the ephemeral nature of net art works, a quality that sometimes goes unnoticed when servers are online 24/7." Sara Tucker, Director of Digital Media, DIA Center NY

Links

Carlo Zanni
Cyrille
4 Untitled Portraits
Analix Forever


Exiwebart_focus - a project by domenico quaranta

[Exibart]

----------------------------------------------------------------------

----------------------------------------------------------------------

(Italian Version)

Exiwebart_FOCUS
Altarboy - Carlo Zanni



venerdì 30 gennaio 2004


Innanzitutto, è una scultura. Una valigia in alluminio, con bordure in acciaio, appoggiata ad un piedistallo di ferro. Dal pannello superiore, in alluminio smaltato bianco, si affaccia uno schermo 15'', mentre il piano orizzontale ospita un contenitore di vetro, disegnato dall'artista, contenente petali di rosa che vanno sparpagliati ai piedi dello schermo. Nell'insieme, un oggetto minimale, raffinato, solido, che rende invisibile la complessa tecnologia che contiene.
Infatti, il cuore della scultura non è quella sorta di bios fatta di petali di rosa, ma un computer che funziona da server per l'opera d'arte immagazzinata nel suo hard disk: invisibile in Rete fino a che il proprietario non decide di accendere il server.
Così, la prima scultura di Carlo Zanni diventa anche la sua risposta ad una serie di domande fondamentali: è possibile vendere lavori basati su un processo di networking? Se sì, in quale forma? Si può comprare qualcosa di pubblico? E come conciliare i concetti di proprietà e di condivisione?
A queste domande sono già state date diverse risposte, ma nessuna finora era riuscita a porre la questione in maniera così radicale. Acquistando Altarboy, l'eventuale collezionista compra un server. Questo contiene un net work, un pezzo di software che funziona completamente solo se connesso alla rete, e quindi condiviso con tutti i suoi utenti. Eppure, esiste una fruizione privilegiata, che è quella mediata da Altarboy, con il suo touch screen e i suoi petali di rosa.
Si dirà: è l'uovo di Colombo. Ma l'uovo di Carlo Zanni (che se non fosse diventato artista avrebbe voluto tagliare diamanti) non ha bisogno di essere schiacciato in punta per stare in piedi, e le sue linee semplici e pulite contengono tutta la complessità delle questioni che solleva.
Per ora, su Altarboy gira Cyrille, una nuova evoluzione (come i 4 Untitled Portraits di recente commissionati dal Kultursekretariat di Gütersloh) dei newnewportraits di Carlo Zanni, che affiancano all'aspetto esteriore della persona ritratta la sua identità così come viaggia in rete, o come appare dal suo hard disk. Le pupille (entrambe 'navigabili') di Cyrille, che dirige la galleria Analix Forever di Ginevra, sono disegnate l'una dalle immagini corrispondenti ad una serie di query fatte automaticamente con Google sulla base di parole chiave da lei indicate; l'altra da quelle risultanti da una ricerca avviata da chi visita il progetto. Specchio l'una dell'immagine di sé che ognuno si costruisce, l'altra dell'immagine di sé che ciascuno presenta al mondo. E specchio, entrambe, dell'aspetto della rete in un dato momento.

5 domande a carlo zanni

Da quale esigenza 'estetica' nasce Altarboy?
Mi sento più vicino a Donald Judd che a Matrix. Questo è il motivo per cui gli elementi tecnologici in Altarboy non sono così evidenti (probabilmente in futuro non ci sarà neanche più lo schermo). La tecnologia non è il soggetto del mio lavoro, quindi non c'è alcuna ragione per realizzare un bricolage tecnologico.

Altarboy solleva in maniera complessa la questione della proprietà di un'opera che vive su un network pubblico. Come si relaziona con quella meravigliosa accessibilità che l'arte in rete ha ereditato dal mezzo e che per molto tempo è stata il suo carattere più affascinante (e più rivendicato)?
Prova a pensare ad una tubatura abusiva. Ho agito come un idraulico, installando un rubinetto per uso privato. Aprendolo, Altarboy usa l'acqua della conduttura principale (Google); se ci sono problemi di rifornimento (o quando addirittura il www non esisterà più) Altarboy inizia a ciclare le acque precedentemente raccolte e immagazzinate nel tempo. Altarboy segue la sua strada, non si preoccupa di nulla. E' un padrino che prende il sole e si abbronza in una splendida villa in Sicilia mentre beve acqua fresca e pulita in bicchieri da champagne.

Paradossalmente, Altarboy realizza il massimo del privato e il minimo dell'intimità: chi fruisce il progetto in rete dal proprio pc sembra molto più vicino a Cyrille di chi lo fruisce, isolato e lontano come un'icona sull'altare, da Altarboy. Come spieghi questa distanza? E' intenzionale?
Questa distanza è dovuta all'elemento scultoreo. Nonostante sia più o meno un sistema comune alle scrivanie di molti uffici, la sua forma estetica impedisce un'immediata riconoscibilità, enfatizzando così di fatto il suo lato contemplativo. Gli utenti che ne usufruiscono attraverso il web possono sentirsi “più vicini” poiché digitano un url ed entrano in un sito; sono vicini allo schermo, probabilmente soli, in un contesto molto privato. Grazie al suo touch screen Altarboy permette di avere un approccio molto fisico al codice, toccando e facendo scivolare le dita sullo schermo, quasi accarezzandolo. Si tratta di un lavoro su proprietà e condivisione, pubblico e privato, e di conseguenza le sue dimensioni estetiche e spaziali ne riflettono il contenuto.

Pensi che una soluzione di questo tipo sia intimamente legata al tuo modo di indagare la rete o che possa essere adottata anche da altri artisti per il loro lavoro?
E' qualcosa di funzionale al mio modo di fare. E' anche un'idea molto flessibile che si può applicare a diverse tipologie di 'net projects'. E sicuramente mi farà piacere se altri artisti la utilizzeranno.

In Cyrille sposti l'attenzione dal volto allo sguardo (da sempre 'specchio dell'anima'): uno sguardo condizionato dalle keyword scelte dalla persona ritratta, ma anche dalla vita della rete. Quale anima riflette Cyrille?
Penso che dovresti essere tu a dirmelo. L'unica cosa che posso dirti riguarda la sua concezione.
Secondo me, questo modo di realizzare 'net drawings' riflette sia esteticamente che concettualmente i comportamenti delle formiche mietitrici.
Come in loro c'è un continuo aggiornamento e spostamento di conoscenza dovuto all'interscambio tra Macro-comportamenti (colonia-società) e micro-comportamenti (formica- individuo)
Pensa a tutti quei pixel-immagine che formano le pupille di Cyrille come ad una colonia di formiche; si organizzano in una forma armoniosa ricoprendo le pupille (macro-comportamento) ma sono la somma di diverse estetiche e significati. Questo è il modo in cui Google funziona nei miei progetti; come io mi sento di usarlo. Cyrille ti permette di inserire una parola (seguendo la tua idea-concetto-memoria di quella parola) e ti restituisce quello che la società “pensa” di quel dato vocabolo, quasi fosse un significato globale (con tutte le varie eccezioni e incontri casuali..fuorvianti..). In questo tipo di lavori sono presenti molti livelli estetici e concettuali, come in un file di Photoshop. Sta a te decidere quali unire, per visualizzare la tua (sua) anima temporanea.




Cosa pensi di Altarboy? – opinioni dal mondo dell’arte

“Quando Analix Forever ha scoperto Carlo Zanni ed il suo approccio innovativo all’arte, è stata una rivelazione. Altarboy è il pezzo che con più forza combina i più avanzati sviluppi della net art e la delicata bellezza che caratterizza l’arte di Zanni. Con Altarboy, la gente può, oggi, comprare e vendere net art. Si apre un nuovo mercato. Volete una prova? Ci siamo comprati questo pezzo unico!” - Cyrille Polla, Direttore della Analix Forever Gallery, Ginevra – Svizzera

“La giustapposizione, in Altarboy, di freschi petali di rosa e immagini dalla rete si propone come un rinfrescante memento mori, che ci ricorda la natura fragile e temporanea della net art. La scelta del proprietario, che può decidere se renderlo o no accessibile online, sottolinea il carattere effimero delle opere di net art, carattere che passa spesso inosservato quando i server sono online 24 ore su 24.” - Sara Tucker, Direttore del Dipartimento ‘Digital Media’, DIA Center, New York

link correlati

Links

Carlo Zanni
Cyrille
4 Untitled Portraits
Analix Forever

exiwebart_focus è un progetto a cura di domenico quaranta

[exibart]